Messi alle spalle due anni di restrizioni da covid per i viaggiatori di tutto il mondo, ma in particolar modo per noi italiani, l’estate 2022 avrebbe dovuto saldare il conto dei viaggi di surf parcheggiati momentaneamente nel cassetto dei sogni. E invece no. Il condizionale è d’obbligo perché, nonostante sia rimasta in vigore qualche quarantena light comunque affrontabile, i prezzi dei biglietti aerei sono saliti alle stelle rendendo la vita impossibile anche ai surfisti italiani.

Per chi fa surf, viaggiare verso luoghi con un affaccio sull’oceano è una necessità prescritta dal dottore, come la pillolina che da una certa età in poi ti tiene a bada il cuore. Il nostro di cuore, anche se giovani, è spezzato: volare a Bali ad agosto costa, udite udite, 2400€ con Emirates. Praticamente la stessa cifra che ho speso sommando le spese dei biglietti comprati nel 2016, 2017 e 2018 per raggiungere il paradiso terrestre. Siamo alla follia.

Mi sono messo carta e penna per trascrivere i prezzi di oltre 100 biglietti aerei verso destinazioni ideali per i viaggi di surf. Il periodo preso in analisi va dal 6 al 20 Agosto, piena alta stagione, anche conosciuta come la vacanza dell’italiano medio. La fonte delle mie ricerche è Expedia, perché lo preferisco a Sky Scanner, dove spesso il prezzo che vedi è farlocco. Te ne accorgi andando a pagare, quando vieni re-indirizzato verso la pagina della compagnia o di un secondo intermediario che effettivamente vende il biglietto. E lì arriva la stangata.

Viaggiare in Europa: un’impresa atlantica

Partendo da Roma per andare a surfare in Portogallo, il paese europeo con più frequenza e qualità di onde anche durante l’estate, si spendono 471€ per salire su un volo diretto. Da Bologna la situazione peggiora: 585. Con partenza da Orio al Serio tre ore scarse di aereo verso Lisbona valgono la bellezza di 605 euro. Ok, fate un respiro grande…stiamo parlando soltanto di voli Ryanair. Con gli scali possiamo salvare qualche centinaio di euro, anche se viene veramente male perdere 10, 11, 12 o più ore di viaggio per arrivare in Portogallo planando a 10.000 metri.

In Francia come siamo messi? Per gli amanti di Hossegor e dintorni gli aeroporti comodi sono Bordeaux e Lourdes al limite, dove forse dovremmo organizzare un pellegrinaggio per sperare di vincere al Superenalotto. Colpo di scena: con Ryanair da Roma a Lourdes, 7-21 Agosto, spendereste oggi 229 euro. Passabile. Cifra comparabile per Bordeaux, sempre da Roma, 244 euro ma con più date a disposizione. Da Bologna alla capitale dell’Aquitania prezzi ancora modesti, 201 euro. Confermata la tendenza anche per le partenze dagli aeroporti di Milano, con Ryanair ad agosto vi portano a Bordeaux per 171 euro. Ma il premio per la regione (tra l’altro ricca di surfisti) con prezzi più agevolati per raggiungere Hossegor (via Bordeaux) ad agosto lo vince la Toscana, con Pisa: 146 andata e ritorno. Ovviamente ragazzi, trattandosi di Ryanair, vanno sempre aggiunti i 60€ (30 per tratta) di bagaglio sportivo. Mi raccomando non comprate quello da 50 a tratta, io ho sempre acquistato l’opzione da 30 senza mai avere problemi al check-in.

Hossegor ha i suoi momenti, anche in estate.

Rimaniamo sempre in zona Ryanair per vedere che aria tira in Spagna, obiettivo paesi baschi. Da Roma si vola a Santander con 281€ dal 7 al 21 agosto. Salendo verso nord, opzioni limitate da Bologna per Santander: le date più vicine sono 5-19 Agosto. Ci vai con 336€. Da Orio al Serio sono 297 euro con andata scomodissima, partenza alle 19.20 del 6 Agosto, che significa un giorno perso. Magari però soluzione adatta a chi dovesse raggiungere l’aeroporto da città da altre città del nord Italia. Da Pisa non esistono connessioni con Ryanair. Provando a cercare su Expedia una soluzione da Pisa a Santander ti passa la voglia: 21 ore e mezza di viaggio per la bellezza di 641 euro. Ma sbrigatevi, “ne rimangono solo 3 sul nostro sito”. Avrete 2.50 ore di scalo a Londra e 12 ore a seguire in quel di Madrid, praticamente un Interrail.

Le Canarie inavvicinabili: Fuerteventura da Pisa e Roma costa 595€, da Milano 778€ con volo diretto Ryanair. Accettando scali dalla capitale lombarda potete risparmiare 250 euro. Comunque tariffe senza senso, da non prendere nemmeno in considerazione.

Parentesi per le destinazioni meno convenzionali: l’Islanda costa tanto, 500 e rotti euro con sempre almeno 1 scalo. Da considerare anche i costi aggiuntivi della macchina, fondamentale in Islanda: si parte dai 1300/1400 per un’utilitaria. In Irlanda si vola con biglietti variabili dai 150 (Roma e Pisa) ai 250 euro (Milano e Bologna). Anche il Marocco costa uno sproposito ad Agosto: 441 euro da Roma, 408 da Pisa e ben 629 da Milano.

In Marocco le fa le onde?

Verso l’Oceano Indiano: scordatevi Bali

Ripartiamo da Bali e dal suo caratteristico aeroporto di Denpasar. I 2400€ di cui vi parlavo in apertura sono facilmente hackerabili volando su Giacarta, la capitale dell’Indonesia. Da Roma a Giacarta troviamo diverse soluzioni: 1344 con Emirates (19.05h con 1 scalo a Dubai) oppure 1381 euro con Ethiad (23.15h con 1 scalo ad Abu Dhabi). A quel punto, da Giacarta partono ogni ora dei voli per Denpasar. Prezzi intorno ai 120€ ma occhio alle tavole: trattate alla morte, non esiste mai una cifra esatta e chiara.

Per raggiungere Bali dal nord Italia aumentano le difficoltà. Scrivendo Milano – Denpasar vengono fuori itinerari che lasciano pensare all’Odissea di Omero: 2085€ per un tour da 39h con scali a Stoccolma e Bangkok. Fa talmente ridere che sembra l’itinerario di un turista sessuale arrestato e finito sul TG. Col solito trucco di Giacarta scendiamo a 1337 euro (22.20h con 2 scali) e 1427 euro (24h con 1 scalo a Doha).

Bali, la terra promessa

Altre gettonate destinazioni per viaggi di surf nell’Oceano Indiano sono le Maldive e lo Sri Lanka. Da Malpensa sono 1217€ per le onde maldiviane e di questi tempi è quasi un affare: con 19.05h e 2 scali sarete con un piede sulla speed boat che vi porterà verso la gloria. Per Colombo, capitale della Sri Lanka, sono 1289€ ed un volo di 15.20h con scalo ad Abu Dhabi. Da Roma a Colombo prezzi e durata praticamente invariati, anche lo stesso scalo ad Abu Dhabi: 1270€ per 15.10h di navigazione aerea. Le lineup maldiviane vanno via allo stesso prezzo, 1269€ con 1 scalo e 14.25h di viaggio.

L’anno scorso sono andato alle Maldive, nel famosissimo atollo di Thulusdoo, l’isolotto dove rompe la destra di Cokes. Ho speso 663€ a persona con Qatar Airways.

E invece il Pacifico? Proviamo

Per viaggi di surf indimenticabili nel Pacifico ho in mente Costa Rica, Messico, California e qualche aggiunta bonus tra Nicaragua, El Salvador, Cile e Perù. Andiamo nell’ordine di popolarità, partendo dal Costa Rica. Nella capitale di San José atterrano la maggioranza dei voli intercontinentali, ci si arriva da Roma con 1548€ e 17.19h di volo (1 scalo a Newark). Da Milano peggio, si allunga la durata del viaggio ma almeno i prezzi rimangono gli stessi. La terra dei sombreri e delle destre infinite che srotolano su point sabbiosi, il Messico, è a distanza di 1200/1300€ con partenza da Roma. Stessa cifra per il biglietto da Milano, ma con 1 scalo in più.

In Messico con Ale Ponzanelli. Foto di Filippo Maffei

Caliiifornia here we come, 1330 euro e saremo lì. Questo per Los Angeles, decollando da Roma. Per risparmiare puntiamo San Francisco, 1144€ con scalo breve ad Atlanta. Non male. E San Diego? La So-Cal è la vera patria del surf, per volare nella città dei Padres serviranno almeno 1266 euro compreso il solito scalo ad Atlanta. Per le partenze da Milano, escluso il vettore con Los Angeles, prezzi più alti mediamente di 200/300 euro rispetto a Roma.

Torniamo in Centro America per vedere dove converrebbe programmare i viaggi di surf per questa estate 2022. Nicaragua da escludere, voli impossibili da 50h con doppi scali e prezzi fuori budget. El Salvador sta acquisendo sempre più popolarità: dopo i primi Mondiali ISA valsi la qualificazione olimpica, anche il Championship Tour della World Surf League farà tappa nel paese divenuto famoso per aver aperto ufficialmente al commercio in bitcoin. Arrivare però non sarà facile: sono richiesti almeno 2 scali e 1366€ per un biglietto andata e ritorno da Milano. Stavolta Roma perde il duello di convenienza: volando dalla Capitale spenderete oltre 1500€.

Angelo Bonomelli nel Salvador durante i Mondiali ISA

Cile e Perù rappresentano il sogno di ogni goofy. Non solo sinistre a perdita d’occhio, spesso deserte, ma anche antiche culture e paesaggi mozzafiato. Ricordiamo che trovandosi nell’Emisfero Australe, in Cile e Perù le stagioni sono invertite, quindi ad Agosto sarà pieno inverno. Un biglietto da Roma per Lima costa tra i 1300 e i 1400€, con 2 scali obbligati. Per Santiago non si scende sotto ai 1600€. Più conveniente la partenza da Milano per Lima, un posto sull’aereo vi costerà intorno ai 1100€. Di Santiago invece non se ne parla, a meno che non vogliate svenarvi. In quel caso preparatevi a staccare un assegno da oltre 2000€.

Statistiche generali e motivazioni del rincaro

“Nell’ultimo mese le tariffe dei voli europei hanno subito un incremento del 91% rispetto allo stesso periodo del 2021”, dichiara il Codacons e ne abbiamo appena avuto conferma. Per i voli intercontinentali, che come sappiamo partono da una base decisamente più alta, “l’aumento dei prezzi si attesta al 35,7%”. Tira una brutta aria in quota e la motivazione principale ovviamente è da ricondurre al costo dei carburanti schizzato ai massimi storici dallo scoppio della guerra in Russia. Conti alla mano, una soluzione per l’Europa potrebbero rappresentarla i viaggi in macchina oppure il van, l’amatissimo surf van di cui abbiamo scritto in passato. I viaggi di surf intercontinentali che sognavamo dovranno forse rimanere un altro congelati nel cassetto, sperando veramente che tra guerre e pandemie il mondo possa tornare a girare nella giusta direzione. Le nostre destinazioni preferite vi aspettano qui.

L’articolo Un’estate nera per i viaggi di surf: prezzi aerei alle stelle proviene da The Board Tree.

Generated by Feedzy